cafFiscoPartite IVA

Il Caf Cgil di Modena ha avviato da inizio settembre un nuovo servizio di tutela, assistenza, informazione rivolto a professionisti che lavorano con partita Iva individuale e svolgono prestazioni di lavoro autonomo, senza vincoli di subordinazione.
Per tutti coloro che svolgono prestazione d’opera, ovvero attività di lavoro autonomo, arte o professione in maniera abituale, anche se non esclusiva, la legislazione italiana prevede infatti l’apertura di partita Iva individuale (Dpr 633/1972).
Dal 2018 il regime forfetario resta l’unica alternativa al regime ordinario per le persone fisiche che svolgono o iniziano un’attività d’impresa, di arte/professione, e possiedono requisiti, quali ad esempio l’assenza di dipendenti e determinati limiti di reddito.
Il Caf Cgil di Modena presta assistenza a questi professionisti che rientrano nei regimi fiscali agevolati è in grado di consigliare il regime più vantaggioso, verificare i requisiti richiesti e assistere negli adempimenti fiscali previsti: apertura-chiusura-variazione Partita Iva, iscrizione al registro imprese, conteggio autoliquidazione annuale del premio Inail, predisposizione e trasmissione telematica della dichiarazione dei redditi su regime forfettario, gestione fatturazione elettronica.
Il servizio è situato in piazza Cittadella 36 a Modena e funziona su appuntamento telefonando dal lunedì al venerdì al numero 059.235680 dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18. Per informazioni: partiteivamo@er.cgil.it e https://www.cscmo.it/partite-iva-individuali/ Per gli iscritti Cgil sono previste tariffe particolarmente agevolate. Questo tipo di tutela rivolto ai lavoratori a partita Iva individuale ha l’obbiettivo di rappresentare anche questi lavoratori e rispondere ai loro bisogni, in linea con i principi della Carta dei Diritti Universali del Lavoro per la quale la Cgil ha depositato un disegno di legge nel 2016, dopo aver raccolto oltre 3 milioni di firme a livello nazionale.
La Cgil è inoltre da sempre impegnata al contrasto delle “false” partite Iva che mascherano contratti di lavoro subordinato attraverso l’azione delle sue categorie sindacali.

Daniela Bondi interviene ai microfoni di Radioarticolo1.it (26/9/2018)